Pubblicità

Kamui Kobayashi ha conquistato la pole position per la 6H ore del Fuji del WEC con Toyota che ha monopolizzato l’intera prima fila sul suo tracciato di casa.

Il pilota giapponese ha guidato la sessione di qualifiche dei prototipi di 10 minuti di sabato con un tempo di 1:29.234 al volante della Toyota GR010 Hybrid n.7.

Kobayashi, che condividerà l’auto con Mike Conway e Jose Maria Lopez nella gara di sei ore di domenica, ha battuto il suo compagno di squadra Toyota Brendon Hartley di soli 0,020 secondi.

I piloti Toyota hanno ottenuto il primo e il secondo posto nei primi giri veloci, con Kobayashi che ha portato la sua macchina n. 7 davanti alla vettura sorella n. 8 con un margine di quattro decimi.

Matthieu Vaxiviere si è qualificato terzo per l’Alpine Elf Team, con il francese che è finito a due decimi di secondo dalla pole sull’ex vettura Alpine A480 Gibson LMP1. Vaxiviere ha battuto le due Peugeot 9X8 dei connazionali Jean-Eric Vergne e Loic Duval.

Vergne, che è stato il primo pilota Hypercar a scendere in pista in qualifica e ha stabilito un giro esatto di 90 secondi sul percorso del Fuji Speedway per prendere il quarto posto.

Duval ha completato l’ordine dell’Hypercar con un tempo di 1:30.152, portando le Peugeot rispettivamente a sette e nove decimi dietro Kobayashi.

Antonio Felix da Costa ha conquistato la pole nella classe LMP2 per JOTA con il suo primo giro secco della sessione.

Il pilota portoghese ha ottenuto il tempo di 1:31.649 sulla Gibson n. 38 Oreca 07 che condivide con Will Stevens e Roberto Gonzalez.

Nessun altro è riuscito a battere quel crono nel tempo rimanente, con Nicklas Nielsen di Af Corse che si è avvicinato di più al concorrente LMP2 Pro-Am.

Il pilota ufficiale della Ferrari è arrivato a 0,28 secondi dal benchmark di da Costa, mentre Robin Frijns ha conquistato il terzo posto nella WRT Oreca n. 31.

Ferdinand Habsburg ha conquistato la seconda fila tutta WRT, con Sebastien Bourdais che ha completato i primi cinque per Vector Sport.

Porsche batte la Ferrari alla pole GTE-Pro

Michael Christensen ha guidato la sessione di qualifiche GTE combinata di 10 minuti portando la sua Porsche 911 RSR-19 n. 92 in testa alla griglia di classe GTE-Pro.

Christensen ha ottenuto il giro più veloce al primo tentativo, con il suo primo tempo di 1:36.371 che ha resistito per il resto della sessione.

Il danese ha battuto il pilota Ferrari n. 51 James Calado al primo posto di 0,195 secondi, mentre il pilota britannico ha prodotto un crono di 1:36.566.

Gianmaria Bruni ha conquistato il terzo posto con la Porsche n. 91, a quattro decimi dal compagno di squadra, mentre Miguel Molina si è piazzato quinto per l’equipaggio Ferrari n. 52.

Molina e Nick Tandy della Corvette Racing sono stati gli unici piloti a apportare miglioramenti dopo i primi giri, con Tandy che a un certo punto ha spostato la sua Chevrolet Corvette C8.R n. 64 sopra la Ferrari 488 GTE Evo di Molina.

Molina in seguito ha abbassato il ritmo sotto la barriera di 1 minuto e 37 secondi per far cadere la Corvette di Tandy al quinto e ultimo posto della classe.

Ben Keating ha ottenuto la sua terza pole GTE-Am della stagione per TF Sport Aston Martin: il texano ha segnato 1:39.209, battendo di poco la pilota della Iron Dames Ferrari Sarah Bovy di 0,062 secondi.

Franck Dezotoux è stato terzo per la Ferrari numero 71 di AF Corse, che condividerà la seconda fila della griglia con la giapponese D’station Racing, supportata da TF Sport.

RISULTATI QUALIFICHE 6H FUJI

Photo Copyright 2022 Harry Parvin /focuspackmedia.com

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

Rispondi