Moto2: Augusto Fernandez domina le qualifiche di Aragon

Augusto Fernandez, che ha già fatto il salto ufficiale in MotoGP, aprirà la griglia del Gran Premio di Aragon per la seconda volta quest’anno.

Quanto è importante avere la mente lucida per affrontare qualsiasi sfida della vita, ma ancora di più se si gareggia al manubrio di una moto a 300 all’ora. Ora che da ieri è ufficiale il salto in MotoGP di Augusto Fernández per il prossimo anno, per mano del GASGAS Tech3, in cui dividerà il box con Pol Espargaró, il leader della Moto2 è concentrato al cento per cento sul suo obiettivo attuale e ha ottenuto la pole il GP d’Aragon.

È il terzo della sua carriera sportiva e il secondo della stagione, e chissà se il più importante, perché ha davanti a sé la possibilità di proclamarsi campione del mondo e tutto ciò che è per fare pressione su Ogura, il suo inseguitore più vicino a quattro punti via, è più che buono. Mentre lo spagnolo partirà primo ad Alcañiz, il giapponese lo farà ottavo e avrà bisogno di recuperare posizioni per perdere meno punti possibile. C’è ancora tanto da fare, con 150 punti in palio, ma ogni gara si presenta come una finale e questa parte a favore di Augusto.

Il pilota della Red Bull KTM Ajo ha siglato la pole con 0.124 di vantaggio su Arenas e la prima fila sarà chiusa da Dixon. López (vincitore della gara precedente), Canet e Acosta partiranno dalla seconda.

Tony Arbolino (Elf Marc VDS Racing Team) aprirà la terza fila mettendosi alle spalle la coppia dell’Idemitsu Honda Team Asia composta da Ogura e Somkiat Chantra. Decimo crono per Joe Roberts (Italtrans Racing Team) davanti a Fermin Aldeguer (CAG Speed Up), Filip Salac (Gresini Racing Moto2) e Jorge Navarro (Flexbox HP40), con quest’ultimo caduto in curva 5.

Manuel Gonzalez (Yamaha VR46 Master Camp Team) è 14°; lo spagnolo precede Cameron Beaubier (American Racing), Bo Bendsneyder (Pertamina Mandalika SAG Team) e Celestino Vietti (Mooney VR46 Racing Team). Il piemontese è stato costretto a passare dalla Q1 dopo essersi visto cancellare il suo miglior crono per aver superato i limiti della pista. Celestino è caduto in curva 1 e partirà 17°. Dietro di lui ecco Alessandro Zaccone (Gresini Racing Moto2), Barry Baltus (RW Racing GP), Lorenzo Dalla Porta (Italtrans Racing Team) e Senna Agius (Elf Marc VDS Racing Team).