Pubblicità

La tuta da leader della Moto3 si adatta bene a Izan Guevara. Il pilota del Team Autosolar GASGAS Aspar debutta con questa condizione in questo GP di Aragon e, sin dall’inizio, ha già ottenuto la pole position, per lui la quarta della stagione. E quasi più importante di questo è che partirà 11 posizioni davanti a Sergio García, suo compagno di squadra e rivale più vicino in classifica generale, 11 punti dietro.

Sasaki e Holgado, che hanno accettato di lavorare insieme a Guevara e si sono aggiudicati un buon terzo posto, saranno in prima fila insieme allo spagnolo . Quello della Red Bull KTM Ajo ha approfittato della ruota di Guevara in un giro e poi si sono scambiati i ruoli, lasciando entrambi in vantaggio. Normale che entrambi si abbracciassero in seguito con effusione nel parco chiuso.

Per concludere con Jordan, come viene chiamato Guevara in box, va notato che ha anche un ritmo molto buono e che sembra molto a suo agio, tanto che ha attraversato il box facendo una verticale mentre era ancora vestito l’abbigliamento della squadra mentre iniziava la Q1.

Tornando al cronometro, dopo la già citata prima fila, la seconda per Suzuki, McPhee e Foggia. Il terzo, per Ortolá, Masiá (ha annunciato il suo ritorno al Gattopardo la prossima stagione) e Nepa. Il quarto, per Artigas, Tatay e García, tornava in gara. Il quinto, per Öncü, Furusato e Fernández. Il sesto, per Muñoz, Moreira e Rossi. Ana Carrasco partirà 27 e María Herrera 29.

E non dimentichiamo il brutto dettaglio di due meccanici dello Sterilgarda di Sasaki, che hanno intenzionalmente infastidito Fernández mentre usciva dai box per impedirgli di uscire dietro al suo pilota. I meccanici dello spagnolo, della Red Bull KTM Tech3, hanno dovuto metterli da parte.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

Rispondi