Pubblicità

Aron Canet ha controllato le qualifiche su entrambi i lati della lunga pausa per la pioggia mentre ha dominato la classifica dei tempi per la pole per il Gran Premio del Giappone Moto2 a Motegi.

Aron Canet ha approfittato del suo tempo in pista nelle difficili condizioni di bagnato, poi è rimasto imperturbato dal ritardo della pioggia per conquistare la pole position in vista del sedicesimo round del campionato, il Gran Premio del Giappone Moto2.

Il pilota della Flexbox HP40 ha approfittato della lotta dei suoi rivali per tenere d’occhio il campionato con una prestazione dominante per la pole position.

Passare attraverso la Q1 con la top ten ha dato allo spagnolo un assaggio della pista e il tempo per adattarsi alle condizioni insidiose. Ciò lo ha visto aprire la strada all’inizio della sessione mentre ha fatto valere il suo primo giro da banchiere mentre la bandiera rossa sventolava per il tempo.

Con la sua competizione principale per il primo posto proveniente da Fermin Aldeguer, non un rivale per il titolo, una volta terminata la lunga pausa per la pioggia, Canet ha risposto ogni volta per rivendicare la sua terza pole stagionale con un meglio di 2m 04.939s.

Quando la bandiera a scacchi sventolava, Aldeguer era seduto al secondo posto, ma quel giro è stato impostato con bandiere gialle ancora in azione dopo che il suo compagno di squadra Alonso Lopez è caduto. Il suo giro è stato cancellato dopo la sessione, facendo scendere il pilota CAG Speed ​​Up al sesto posto.

Jake Dixon ha tenuto il passo nelle condizioni umide e buie e ha tenuto il terzo posto prima del ritardo. Il pilota di Shimoko GasGas Aspar è tornato subito in pista dopo la pausa, combattendo gli spruzzi e i getti d’acqua in pista. Il #96 ha guadagnato una posizione dopo la retrocessione di Aldeguer, quindi partirà secondo a Motegi. 

Il giro sul bagnato di Canet è stato speciale: il divario tra il suo tempo e quello di Dixon era di 0,730 secondi, a dimostrazione della forza della spinta del pilota spagnolo.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com