Pubblicità

Marc Marquez ha chiuso in testa le prime prove libere della MotoGP in Thailandia, rimediando anche una piccola caduta, ma che di fatto non gli ha impedito di ottenere il miglior tempo in questa sessione.

L’otto volte iridato, che lo scorso fine settimana ha conquistato la sua prima pole in tre anni sul bagnato di Motegi, ha strappato il primo posto al campione del mondo in carica Fabio Quartararo durante un frenetico finale di sessione, che ha visto i primi quattro piloti distaccati di solo 0.098 secondi.

Dopo una pioggia quasi continua degli ultimi due giorni, per gentile concessione del temporale Noru, il cielo si è leggermente schiarito per le FP1 di venerdì mattina.

le condizioni umide della pista hanno reso la vita difficile ai piloti e i primi a pagarne le conseguenze sono stati Marc Marquez e Miguel Oliveira, traditi dalla pista umida.

Johann Zarco dii Pramac Ducati era in testa davanti a Francesco Bagnaia e Quartararo quando i piloti hanno montato le gomme morbide al posteriore verso il finale della sessione per tentare di migliorare ancora i tempi sul giro visto la minaccia della pioggia che resta incombente per tutto il fine settimana.

Quartararo ha iniziato il weekend alla grande dimostrando un ottimo ritmo di gara e qualifica mentre i rivali per il titolo Francesco Bagnaia e Aleix Espargaro hanno avuto una sessione più complicata.

Bagnaia rischiava di perdere una posizione nella top ten fino a recuperare il sesto posto nell’ultimo giro, spingendo un impressionante Cal Crutchlow all’undicesimo, mentre Aleix Espargaro chiude solo 16° per l’Aprilia.

Danilo Petrucci, arruolato come sostituto dell’ultimo minuto per l’infortunato Joan Mir alla Suzuki, ha completato la sua prima sessione in MotoGP dalla finale di Valencia dello scorso anno con un miglior tempo a 2.183 da Marquez, mettendolo davanti sia a Darryn Binder che a Tetsuta Nagashima.

Foto: MotoGP

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments