Pubblicità

Johann Zarco si porta in testa alla classifica dei tempi delle seconde prove libere della MotoGP in Thailandia sul tracciato di Buriram, in una sessione nuvolosa ma con pista asciutta.

Zarco ha guidato quattro Ducati in testa alla classifica, anche se il tempo mattutino di Marc Marquez lo ha messo quarto nella classifica combinata, mentre il contendente al titolo Aprilia Aleix Espargaro delude un po’ le aspettative tanto che dovrà passare dalla qualifica 1 domani.

Dopo un impressionante 11° posto di questa mattina, il pomeriggio di Cal Crutchlow si è concluso con un feroce highside all’uscita della curva 7 negli ultimi minuti, lasciando l’inglese zoppicante.

Un’altra pioggia è poi scesa sulla pista all’ora di pranzo, ma con l’asfalto di nuovo asciutto all’inizio delle FP2 della MotoGP, quando Marquez ha ripreso da dove aveva interrotto in cima alla classifica, questa volta su gomma anteriore morbida e posteriore usata.

Il debuttante Marco Bezzecchi è stato il più diretto rivale di Marquez nella prima parte delle FP2, prima che una caduta gli interrompesse il ritmo, mentre il campione del mondo in carica Fabio Quartararo, veloce con gomme nuove e usate stamattina, era visibilmente infastidito dall’essere seguito da Luca Marini. 

L’italiano, quarto stamattina per VR46 Ducati, ha rifiutato l'”offerta” del francese di passare, rimanendo dietro la Yamaha per diversi giri prima che i due si scambiassero le posizioni. Quando si sono fermati ai box, insieme a Quartararo che ha ripassato Marini mentre uscivano di pista, il rivale Bagnaia, era in testa alla sessione. Quartararo è stato poi seguito fuori dai box da un altro pilota Ducati, Fabio di Giannantonio.

Bagnaia ha mantenuto il comando della sessione fino a quando il compagno Ducati Johann Zarco lo ha scalzato dalla vetta della classifica a metà sessione. La Suzuki di Alex Rins della Suzuki è diventata la terza moto diversa ad essere al comando questo pomeriggio (ma ancora a 0,5 secondi dal tempo di Marquez nelle FP1).

Le simulazioni di qualifica sono iniziate negli ultimi dieci minuti delle FP2, con Jorge Martin che ha prontamente sparato nel miglior giro della giornata.

Johann Zarco ha fatto brevemente una doppietta Pramac, prima che Bagnaia mettesse al secondo posto la Ducati ufficiale.

Zarco ha poi lottato per tornare in testa alla sessione, mentre alcuni piloti hanno perso il giro a causa delle bandiere gialle per l’incidente di Crutchlow.

Il debuttante di Giannantonio e Darryn Binder, che questo pomeriggio hanno fatto grandi progressi sul giro, si sono allontanati entrambi dalle cadute nelle FP2.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com