Pubblicità

Sergio Perez ha mantenuto la sua vittoria in Formula 1 nel Gran Premio di Singapore dopo che gli steward gli hanno emesso un rimprovero e una penalità a tempo per infrazioni alla Safety Car.

La vittoria di Perez era in dubbio a Marina Bay dopo non aver rispettato la distanza di 10 macchine tra lui e la Safety Car per ben due volte e questo ha fatto infuriare il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, che diceva di aspettarsi una penalità per il messicano.

Alla fine della gara, i commissari sportivi hanno emesso una sentenza dove hanno deciso di penalizzare Perez aggiungendo cinque secondi al suo tempo di gara e con un rimprovero. Il messicano mantiene la vittoria, visto che ha tagliato il traguardo con 7,5 secondi di vantaggio su Leclerc.

Spiegazione della decisione dei commissari

Perez ha violato l’articolo 55.10 del Regolamento Sportivo che prevede che il leader debba rimanere entro 10 lunghezze di vettura dalla Safety Car fino allo spegnimento delle luci.

Al 36° giro la Safety Car era uscita per recuperare la vettura di Tsunoda e Perez ha ammesso di non aver mantenuto la distanza di 10 vetture tra lui e la safety car alle curve 13 e 14, ricevendo un avvertimento dal controllo gara alle curve 9 e 10 di mantenere la distanza.

Per questa violazione, Perez ha ricevuto una penalità di cinque secondi, mentre per un reato simile in un precedente periodo di SC, è stato rimproverato. A Perez sono stati tolti anche due punti sulla sua patente, il che porta il suo totale a due per il periodo di 12 mesi in cui rimangono nel record di un pilota.

Foto: LM

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments