Pubblicità

Alvaro Bautista nega a Toprak Razgatlioglu la seconda tripletta nel WorldSBK della stagione 2022 con la vittoria in gara due. 

Dopo il suo successo nella gara della Superpole , Razgatlioglu ha iniziato l’ultima gara del weekend dalla pole e ha fatto un’ottima partenza in testa alla prima curva.

Tuttavia, il vantaggio di Razgatlioglu non è durato a lungo poiché Jonathan Rea ha subito sfidato il pilota Yamaha alla curva cinque. 

Come la gara della Superpole, Michael Ruben Rinaldi e Alex Lowes hanno mostrato un buon ritmo all’inizio per rimanere con il trio di testa. 

Bautista ha perso molto tempo al terzo giro dopo aver subito una grande oscillazione sulla collina alla curva nove. Ma il pilota Ducati ha recuperato rapidamente la calma chiudendo al quarto giro.

Un ottimo weekend per Axel Bassani si è concluso in modo deludente quando è caduto in gara due al quarto giro.

Con il ritmo di testa non abbastanza veloce per i suoi gusti, Razgatlioglu ha successivamente fatto un sorpasso su Rea all’inizio del settimo giro per prendere il comando.

Rea non ci sta e ha risposto al turco superandolo alla prima curva all’ottavo giro, ma Razgatlioglu ha ribattuto alla mossa per recuperare il comando. 

Non in grado di rispondere questa volta, Razgatlioglu è poi passato dal primo al terzo posto quando Bautista si è portato al secondo posto all’inizio del nono giro. 

Un terzo cambio di vantaggio consecutivo è avvenuto al decimo giro quando Bautista ha finalmente trovato la sua strada verso la testa del gruppo. 

Con Bautista che lentamente si allontanava, Razgatlioglu sapeva di dover passare Rea, cosa che ha fatto alla prima curva, la stessa curva in cui sono avvenuti tutti i precedenti cambi di comando. 

In lotta con Scott Redding per il settimo posto, il pilota del Team HRC Iker Lecuona è caduto a sole sette cadute dalla fine.

Nel disperato tentativo di contrattaccare contro Bautista, Razgatlioglu ha fatto un sorpasso a sorpresa alla curva 14 prima che Bautista sfruttasse l’incredibile potenza della sua Ducati per tornare in vantaggio sul rettilineo di partenza-arrivo. 

Con Bautista che girava ancora a meno di un decimo dal giro più veloce della gara, Razgatlioglu stava finalmente iniziando a lottare allo stesso ritmo dello spagnolo e tra i due c’era un margine di otto decimi.

A tre giri dalla fine il vantaggio di Bautista è salito per la prima volta in gara sopra il secondo margine di vantaggio e lo spagnolo ha controllato la corsa fino alla bandiera a scacchi dove ha raccolto una importante vittoria soprattutto in ottica iridata.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com