All’asta la Ferrari di Alesi che guidò nel Mondiale del 1991

Gli anni ’90 iniziano bene per la Ferrari. Con Alain Prost, la Scuderia aveva attirato a Maranello il campione del mondo in carica, che vi ha trovato una squadra affermata e con tanto spirito innovativo. Il cambio semiautomatico a sette marce introdotto nel 1989 e un raffinato motore V12 hanno fornito diverse ragioni per l’ottimismo precedentemente mancato in termini di tecnologia.

Anche se non tutto è andato liscio nella stagione 1990 – specialmente con il collega Nigel Mansell – c’erano dei secondi posti molto fiduciosi da festeggiare in entrambi i campionati. Le cinque vittorie e i soli quattro ritiri di Prost (tanti quanto Champion Senna) avevano risvegliato maggiori ambizioni. Dopotutto, gli italiani aspettano un titolo dal 1983.

Tanto tricolore, pochi trionfi

La Scuderia disputò le prime sei gare dell’auspicata stagione iridata nel 1991 con un aggiornamento della Ferrari 641. Catalogata sia come 642 che come F1-91, la dea rossa montava un V12 da 3.499 litri leggermente più potente ma fondamentalmente simile e ha anche abbinato lo stesso schema del telaio in carbonio del monoposto precedente.

Ma quando si trattava di durabilità, le delusioni si accumulavano dopo un buon inizio. Prost e il suo nuovo compagno di scuderia Jean Alesi hanno concluso solo tre gare su sei. Allo stesso tempo, il campione in carica Senna ha collezionato quattro vittorie di fila e, dopo un ritiro in Canada, ha conquistato il terzo posto in Messico.

Lo slancio dell’anno precedente si è rapidamente trasformato in pressione: il salvataggio sotto forma della Ferrari 643 (ufficialmente ulteriore F1-91) era già in preparazione per la settima gara. I responsabili del progetto di base, che questa volta è stato pesantemente rivisto, sono stati Steve Nichols e Jean-Claude Migeot. L’americano e il francese si sono impegnati molto nel telaio, che dovrebbe essere adattato allo stile di Prost.

Successo rapido, matrimonio breve

Il nuovo pacchetto ha saputo mettersi in luce fin dal suo debutto: Alain Prost ha festeggiato il secondo posto nella gara di casa a Magny-Cours e il giovane Alesi è arrivato quarto. Un terzo posto di Prost a Silverstone sembrava quindi confermare il trend in rialzo, ma sono seguiti tre amari ritiri. Ogni speranza residua di vincere il titolo era svanita.

Per Alesi ci sono stati almeno due successi di tutto rispetto in contemporanea. Dopo una fine prematura in Gran Bretagna, colleziona un terzo posto ad Hockenheim ed un quinto in Ungheria. Alla fine, però, la squadra italiana non ha potuto fare niente contro le prepotenti squadre McLaren-Honda con Senna e Williams-Renault con Mansell.

Frustrato dai problemi che si accumulavano dentro e fuori pista, il “professore” Prost finalmente scoppiò. Anche per ragioni di politica dei trasferimenti, ha stuzzicato che un camion fosse più facile da guidare rispetto alla dea rossa. Pertanto, prima dell’ultima gara di Adelaide, ha ricevuto la seconda “lettera di licenziamento” della sua carriera.

Il pilota collaudatore Gianni Morbidelli è subentrato e ha guidato il telaio 127, che in precedenza era stato per lo più al banco. Il subentrato pesarese ha brillato sotto la pioggia battente australiana. A causa dell’interruzione anticipata, tuttavia, il suo terzo posto è stato corretto al sesto dopo l’azzeramento dei giri.

Lo chassis 127 cerca una nuova casa

Originariamente il telaio 127 era di un proprietario sudafricano, dove rimase fino al 2016. Il primo proprietario ha chiamato regolarmente, fino al 2010, due tecnici di Maranello, che hanno controllato la 643 e avviato regolarmente il motore. Si dice che il tachimetro da corsa abbia guadagnato solo 300 chilometri. Il secondo proprietario ha permesso, tra le altre cose, al fratello maggiore di Scheckter, Ian, di uscire a Kyalami.

Nel 2016 il telaio 127 è finito in Germania dove un appassionato ha organizzato un restauro completo. L’attenzione si è concentrata sul leggendario cambio a sette marce, sulle sospensioni e sui freni, ma anche il motore è stato ricontrollato meticolosamente. La Ferrari è poi apparsa in veste ringiovanita ai Minardi Days di Imola 2018 e all’Oldtimer Grand Prix al Nürburgring 2020. La casa d’aste RM Sotheby’s sottolinea che potrà essere utilizzata nelle storiche serie Formula Legends 3.5L e Ignition GP.

Abbinando la coppia di piloti francesi della Ferrari, il suo apice a Magny-Cours e il suo progettista Migeot, il telaio 127 è ora all’asta a Parigi . L’auspicato passaggio di proprietà si concluderà il 1° febbraio. RM Sotheby’s elenca una fascia di prezzo più attesa da 2,9 a 3,4 milioni di euro.