La FIA e l’ACO stanno cercando di apportare ulteriori miglioramenti al Balance of Performance nella classe Hypercar per la stagione 2024 del World Endurance Championship.

L’introduzione delle vetture LMDh nella classe regina del WEC quest’anno ha comportato un cambiamento nella procedura del BoP, che è stata progettata per portare maggiore stabilità rilasciando in genere tabelle BoP con più gare di anticipo e in gran parte sulla base di dati di simulazione.

La prima stagione del WEC è stata accolta con diversi momenti controversi, tra cui un cambio di BoP fatto al di fuori delle regole prima della 24 Ore di Le Mans.

Si ritiene che un recente incontro con i produttori sul tema di una proposta di revisione del BoP per la stagione 2024 sia stato accolto con reazioni contrastanti, portando la FIA e l’ACO ad andare avanti con i perfezionamenti dell’attuale processo.

Il presidente della FIA Endurance Commission, Richard Mille, è stato irremovibile sul fatto che il BoP non deve dettare l’esito delle gare.

“Per il prossimo anno, speriamo di fare qualcosa di più semplice, ma è un lavoro in corso, qualcosa in cui viene data più responsabilità ai costruttori perché devono assumersi la responsabilità di essere veloci”, ha spiegato.

“Il BoP non è un cuscino di pigrizia. Se un concorrente si aspetta il BoP perché ha fatto una scelta sbagliata o non ha funzionato e spera di vincere solo grazie al BoP, si sbaglia. Non è possibile. Siamo riusciti a fare le cose nel miglior modo possibile.

“Oggi, se arrivi secondo, si pensa sempre che è causa del BoP e non perchè hai una macchina inferiore.”

Ha aggiunto: “Non possiamo controllare tutto perché è impossibile. Non possiamo fare il lavoro dei produttori… Non possiamo risolvere tutte le miserie del mondo.

“Possiamo aiutare fino a un certo livello. Dopodiché, non possiamo fare nulla. È un puro sogno immaginare di poter risolvere tutti i problemi. Non siamo qui per questo e non è il nostro dovere e nemmeno il nostro obiettivo”.

Mille ha osservato che il BoP è stato messo in atto per prevenire l’escalation dei costi all’interno della classe, che presenta due piattaforme distinte in LMH e LMDh che sono gestite da regolamenti tecnici diversi.

“Abbiamo un peso minimo abbastanza alto da evitare l’esplosione dei costi, dei materiali. Lo stesso vale per il potere che è limitato”, ha detto.

“Ci sono già gli ingredienti per evitare una stupida esplosione di costi. Alla fine si ha un formato in cui le persone possono valutare se stesse e poi devono fare il loro lavoro”.

Quando gli è stato chiesto se c’è un certo livello di delusione per il fatto che solo due costruttori abbiano ottenuto vittorie quest’anno sui cinque presenti a tempo pieno sulla griglia, Fillon ha risposto che è dovuto all’esperienza piuttosto che al BoP.

“Ovviamente preferiamo avere più vincitori”, ha detto. “Ma se lo guardi, l’esperienza è molto importante.

“La Cadillac è nuova nel campionato. Porsche, questa è una nuova squadra. La Ferrari non è una squadra nuova, era già in GTE, quindi penso che l’esperienza prima sia stata molto importante”.

Mille ha aggiunto: “Se si considera che il divario si sta avvicinando sempre di più, è anche il risultato di ciò che abbiamo fatto.

“Ci sono tanti parametri che sono variabili: gli stint, il consumo delle gomme, la strategia, anche i piloti. Ci sono molti parametri che non sono un nostro problema”.

Coletta spera che FIA e ACO cambino le “condizioni” del BoP per il 2024

Antonello Coletta, responsabile dell’endurance della Ferrari, ha detto ai giornalisti che spera che gli organizzatori “cambino le condizioni” del BoP in vista del prossimo anno.

Il costruttore italiano, che ha ottenuto una vittoria decisiva nella 24 Ore di Le Mans, non è riuscito a vincere una gara della stagione regolare del WEC, che è andata tutta a Toyota Gazoo Racing.

“Nella seconda parte della stagione, è stato molto critico”, ha detto Colletta.

“Credo che sia sotto gli occhi di tutte le persone che la seconda parte della stagione non è stata completamente gestita dalle autorità.

“La prima parte della stagione, credo, è stata molto positiva. Nelle prime gare abbiamo visto una bella battaglia. Nella seconda parte, è stato completamente diverso.

“È normale che, date le circostanze, sia impossibile cambiare qualcosa oggi. Ma spero che il 2024 sia una buona stagione fin dalla prima gara per tutti, perché abbiamo bisogno di avere in questo campionato una bella battaglia tra tutti i costruttori in tutte le gare”.

Foto: Mazzocco Alessio