Tripletta spagnola in Moto3 ad aprire la giornata domenicale di gare del GP del Portogallo. Dani Holgado ha battuto il poleman José Antonio Rueda con lo stretto margine di 44 millesimi di secondo e ha ottenuto la sua seconda vittoria consecutiva sul circuito di Portimao.

Il pilota di San Vicente del Raspeig di Alicante ha già vinto qui l’anno scorso e si è portato in testa, perché allora era la prima gara della stagione 2024, e ora torna al comando ceduto da David Alonso e che non ha avuto la possibilità di contestare il terzo posto all’ultimo giro a Iván Ortolá, tagliando il traguardo 1.3 dietro il pilota MT Helmets-MSI. Il CFMOTO Gaviota Aspar è arrivato in testa alla gara e ha cercato di dare uno strappo alla corsa dal 10° al 15° giro, raggiungendo mezzo secondo di vantaggio, ma quel tentativo lo ha messo a dura prova in finale visto che si è trovato con le gomme in difficoltà.

La scelta delle Pirelli è stata in questa occasione più variegata rispetto ad altre e mentre Hogado ha optato per la medio-media, Rueda ha optato per la morbida-morbida, Ortolá per la medio-morbida e Alonso per la morbida posteriore, che ha poi definito un errore di strategia, perché si è sfaldata nel suo tentativo di fuga. Lezione imparata per il futuro e per continuare nella lotta per il titolo, ora dal secondo posto in classifica generale, a sette punti da un imponente Holgado, che ha un secondo e un primo posto nelle prime due gare.

Il pilota di Alicante è alla sua quarta vittoria iridata e il podio di Rueda è il secondo, migliorando di una posizione il precedente, perché l’anno scorso era terzo a Montmeló. Il sivigliano di Los Palacios ha cercato la vittoria fino alla fine e ha provato a sorpassare alla penultima curva, ma Holgado ha mantenuto la posizione senza battere ciglio, per guidare un terzetto spagnolo che non si vedeva nella categoria dallo scorso anno, ad Austin, con Ortolá, Masiá e Artigas protagonisti.