L’ePrix di Tokyo (Giappone), quinto round del Campionato del Mondo di Formula E, ha incoronato il suo quinto vincitore diverso in cinque gare, il tedesco Maximilian Guenther. Maserati ha lasciato senza vittorie la squadra di casa di Nissan, che aspirava ad un successo nella gara di casa. Oliver Rowland ha conquistato la pole position e ha mantenuto la prima posizione per gran parte della gara, fino a quando al 24° giro e con la gestione dell’energia in gioco, Guenther ha preso il comando. Da quel momento fino alla fine, il tedesco si è difese con successo dai diversi attacchi della Nissan.

Al via ci sono state poche variazioni rispetto alla classifica e l’unica mossa è stata fatta da Mortara, piazzando la Mahindra in seconda posizione, davanti al tedesco e alle spalle del britannico. Gli stint in modalità attacco obbligatorio hanno lasciato Guenther al secondo posto e con più energia nella sua Maserati e davanti alla Nissan del leader. Al 24° giro c’è stato il cambio di leadership e alle spalle dei due si sono dati battaglia per l’ultimo gradino del podio Mortara, Da Costa, Dennis, Nato e Wehrlein.

Il campione in carica Dennis ha portato la sua Andretti al terzo posto dopo aver battuto le Porsche di Da Costa e Wehrlein rispettivamente in quarta e quinta posizione. Nick Cassidy, arrivato in Giappone in testa, si è piazzato settimo, dopo una rimonta dal 19° posto in griglia.

Con questi risultati, Wehrlein strappa al pilota Jaguar il primo posto in classifica generale per soli due punti. Il secondo posto di Oliver Rowland lo porta al terzo posto della generale, a nove punti di distacco. Dieci punti più indietro troviamo il campione in carica, Jake Dennis. Il prossimo round del Campionato del Mondo di Formula E si svolgerà il 13 e 14 aprile per una doppia serie di gare sul circuito di Misano.