Le voci che collegano BMW a un ingresso in MotoGP si stanno scaldando dopo i nuovi commenti del capo del gigantesco costruttore.

Markus Flasch, capo di BMW Motorrad, aveva già tenuto la porta socchiusa alla MotoGP. Dopo aver visto Toprak Razgatlioglu conquistare la prima vittoria nel WorldSBK dal loro ritorno come team ufficiale lo scorso fine settimana a Barcellona, ha nuovamente commentato un possibile futuro in MotoGP.

“Il 2027 potrebbe essere il momento perfetto per essere coinvolti in MotoGP poiché è il momento in cui verrà introdotto un nuovo regolamento”, ha detto Flasch a Motorsport.

Esiste la possibilità che ogni costruttore riparta nel 2027, creando condizioni di parità, quindi probabilmente è il momento migliore per un nuovo arrivato per essere immediatamente competitivo.

Flasch ha continuato: “Siamo in contatto con Dorna e stiamo parlando dei regolamenti. Fa parte della nostra valutazione. La stagione 2027 sarebbe un momento ovvio per iniziare. Ma questo non ci spinge a prendere una decisione”.

BMW in precedenza aveva rifiutato la possibilità di sostituire Suzuki sulla griglia di partenza della MotoGP ma l’arrivo di Flasch ha apparentemente causato un ripensamento.

“La chiave per una decisione è convincere le persone dell’idea. È necessaria un’analisi strategica. Il finanziamento è solo uno degli aspetti. Il branding è un altro. Se l’analisi è convincente e ha un supporto interno, la decisione non dipende da chi è il CEO di BMW Motorrad”.

Ha spiegato nel dettaglio le possibili motivazioni per entrare in MotoGP: “L’aspetto più importante è il marchio. La MotoGP riguarda il marchio e la portata globale. Ecco perché le aziende partecipano. Il trasferimento tecnologico è un altro aspetto, ma è solo il secondo punto più importante”.

Flasch insiste sul fatto che il suo amore personale per la MotoGP non è l’unico fattore dietro la considerazione di BMW.

“Non è un segreto che io abbia una grande passione per la MotoGP”, ha detto. “Ma non prenderemo decisioni solo perché l’amministratore delegato ha una certa passione. Il nostro compito è quello di avere successo nel Mondiale Superbike. Allo stesso tempo, stiamo analizzando dove sta andando la WSBK e se ha senso per noi fare un passo avanti”.

Il progetto WSBK di BMW continuerebbe se passassero in MotoGP nel 2027? “È troppo presto per dire qualcosa al riguardo”, ha detto Flasch.