Pubblicità

Theo Pourchaire si aggiudica la feature race di Imola dopo essere partito dalla quinta posizione con la sua ART Grand Prix ed aver evitato una collisione al via che ha coinvolto Dennis Hauger e Jack Doohan.

Il pilota del vivaio Sauber ha giocato di strategia e ha effettuato il cambio gomme obbligatorio sotto regime di safety car causata dall’uscita di pista alla Villeneuve nel corso del 19° giro di Juri Vips. Giornata da dimenticare per Nissany che al 21° giro stampa la sua monoposto all’uscita della Rivazza obbligandolo al mesto ritiro.

Via libera per Pourchaire che non ha mai visto in discussione la sua affermazione odierna sul tracciato di Imola ed ottiene la sua seconda vittoria nella feature race di quest’anno dopo quella conquistata ad inizio stagione in Bahrain.

Grande rimonta di Enzo Fittipaldi che dalla 15° posizione sulla griglia risale fino al secondo posto per rivendicare il suo primo podio nella Formula 2. Podio che viene completato da Boschung, terzo al traguardo.

CRONACA DELLA GARA

Allo spegnimento dei semafori, Vips e Iwasa partono a rilento e Boschung si inserisce in mezzo a loro, copiati da Doohna e Hauger che, invece, si scontrano tra di loro ponendo fine alla loro gara.

Inesorabile l’ingresso della safety car per rimuovere auto e detriti quando la gara riparte Vips parcheggia sulle barriere della Villeneuve la sua vettura facendo uscire nuovamente la safety car.

I primi quattro piloti in classifica si sono fermati con la prima safety car, lasciando Daruvala di Prema al comando con una strategia alternativa dopo aver iniziato la gara su mescola media.

Mentre il pilota indiano teneva il comando della gara, Nissany si trovava davanti ai piloti che già avevano fatto la sosta ai box ma è andato troppo largo alla Rivazza sbattendo contro le protezioni.

Viene esposta la VSC e alla nuova ripartenza Daruvala ha iniziato ad allungare su Armstrong, suo diretto inseguitore e Lawson

Daruvala doveva ancora fare il pit stop e al 26° giro rientra ai box uscendo in 14° posizione mentre Armstrong si ferma al giro seguente, ma la sua sosta non è stata delle migliori poichè ha avuto un problema con la ruota posteriore destra.

A cinque giri dalla fine il trio di testa capitanato da Drugovich, Sato e Caldwell dovevano ancora fermarsi ai box mentre Pourchiare, quarto, la sua sosta l’aveva già fatta trovandosi al comando della gara una volta che questi avevano provveduto alla sosta obbligatoria.

Logan Sargeant aveva superato Boschung per rivendicare il secondo posto nel corso del 31° passaggio, ma un errore a Variante Alta lo ha messo alle spalle del pilota Campos e di un Fittipaldi in gran rimonta.

Un incidente per Lawson fuori dalle Acque Minerali ha provocato l’ultimo periodo di safety car al giro 32, con il gruppone che ha seguito l’Aston Martin Vantage guidata da Bernd Maylander fino alla bandiera a scacchi.

La vittoria di Pourchaire lo porta in testa al campionato di due punti su Drugovich.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com