La Mercedes è destinata a rimanere in Formula 1 anche se la cultura della categoria non si allinea con l’obiettivo della casa di Stoccarda di produrre solo auto elettriche entro il 2030.

Le Frecce d’Argento hanno dominato fin quasi dal loro rientro in Formula 1 quando sono tornate come costruttore dal 2010, ottenendo ben otto titoli costruttori consecutivi (2014-2021) e sette campionati del mondo (6 con Hamilton e 1 con Rosberg).

La stagione 2022 non è iniziata col piede giusto per Mercedes e attualmente si trovano in terza posizione nella classifica costruttori con 95 punti, 56 lunghezze dietro a Red Bull e 62 dalla Ferrari. La loro Mercedes W13 continua essere afflitta dai cronici problemi tecnici e come dicevano ieri, il Gran Premio di Spagna sarà cruciale per le sorti della stagione del team.

Il CEO di Mercedes-Benz elogia i passi avanti della F1

Lontano dal mondo della Formula 1, la divisione auto Mercedes ha dichiarato che investirà solo in architetture completamente elettriche dal 2025 e prevede di vendere solo auto elettriche dal 2030 dove le condizioni di mercato lo consentono ed Ola Kallenius, CEO del Gruppo Mercedes-Benz, è lieto di vedere i passi compiuti dalla F1 verso la decarbonizzazione.

“Come azienda abbiamo deciso di intraprendere questo viaggio di decarbonizzazione e lo stesso vale per la Formula 1”, ha detto Kallenius, parlando a un seminario del Financial Times.

“I prossimi regolamenti sul powertrain che avremo daranno molto più significato sul lato elettrico e c’è un chiaro impegno a rendere la Formula 1 carbon free.”

“Nei prossimi regolamenti, la parte elettrica avrà un ruolo fondamentale e ci sarà ancora un motore a combustione, ma sarà utilizzato come laboratorio per sviluppare carburanti privi di CO2, che saranno necessari certamente all’industria aeronautica, ma forse anche per abbassare la produzione delle auto esistenti”.

Kallenius ha aggiunto che la Formula 1 non è ancora in un luogo in cui potrebbe fare affidamento esclusivamente sull’energia elettrica.

“Non siamo ancora a un punto in cui puoi correre una gara come abbiamo fatto ad Abu Dhabi con l’energia di una sola batteria”, ha spiegato.

“Uno sport come la Formula 1 ha bisogno di dare spettacolo, quindi il percorso deve essere quello della decarbonizzazione. Ma essere cabon frere, con una maggiore enfasi sull’elettrificazione, assicura che la Formula 1 rimanga un campionato interessante dove resteremo a correre”.

Kallenius non sarebbe attratto dal fatto che ci possa essere una futura unione tra la F1 e la Formula E, aggiungendo: “Non voglio speculare su questo. Tutto quello che so è che la Formula 1 rimarrà sempre l’apice del motorsport”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here