Pubblicità

L’ultima gara di Sainz al Red Bull Ring si è conclusa quando il suo motore si è spento proprio mentre era pronto ad attaccare il pilota della Red Bull Max Verstappen per la seconda posizione quando mancavano pochi giri alla fine e il problema è stato così grave che ha portato ad un incendio alla F1-75 di Sainz.

Dopo la gara Austriaca, Mattia Binotto ha detto che era molto probabile che il problema di Sainz fosse strettamente correlato a quello che è successo sul motore del compagno di squadra Charles Leclerc che si è guastato a Baku, costringendo la Ferrari a montare sulla vettura del monegasco una nuova unità e rimediando una penalità in griglia per il Gran Premio successivo.

Alla vigilia delle prove libere del Gran Premio di Francia, Sainz ha affermato che la scelta se montare un nuovo propulsore e quindi accettare una penalità in griglia non era ancora stata decisa in Ferrari.

“C’è la possibilità di mettere un nuovo motore questo fine settimana, il che comporterebbe una penalità. Ma non abbiamo ancora preso la decisione finale”.

La Ferrari prevede che la gara di questo fine settimana si svolgerà nelle condizioni più calde che ila F1 ha incontrato finora nel 2022, date le alte temperature che attualmente investono l’Europa, il che aggiungerà ulteriore stress all’affidabilità del motore.

Il responsabile dello sviluppo aerodinamico del team, Diego Tondi, ha affermato che la problematica del gran caldo sarà una sfida per i team che dovranno far funzionare al meglio motore e gomme.

“Spetta a coloro che lavorano sull’aerodinamica prendere le contromisure appropriate”, ha continuato.

“Utilizzeremo un livello di raffreddamento della carrozzeria medio-alto, sfruttando le aperture delle branchie di raffreddamento nella parte superiore della carrozzeria e lavoreremo sui condotti dei freni per massimizzare il raffreddamento del cerchio, con l’obiettivo di allontanare il calore dalle gomme .”

“Per quanto riguarda i freni, non ci sono punti di frenata particolarmente pesanti, quindi in termini di raffreddamento di questi componenti la gara al Paul Ricard non è un problema”.

Pubblicità

Rispondi