Pubblicità

United Autosports ha ottenuto la sua prima vittoria assoluta della stagione della ELMS dopo una gara di controllo di Phil Hanson, Duncan Tappy e Tom Gamble nella 4 Ore di Spa.

Gamble ha portato l’Oreca 07 Gibson n. 23 alla vittoria con 23.508 secondi di vantaggio sull’Oreca n. 43 dell’Inter Europol Competition di Pietro Fittipaldi, che ha condiviso i compiti di guida con Fabio Scherer e David Heinemeier Hansson.

Il successo è arrivato nonostante al team anglo-americano sia stata inflitta una penalità di cinque secondi per aver superato la Panis Racing Oreca n. 65 all’inizio della gara. Prema invece ha sfiorato il titolo LMP2 con un terzo posto per Louis Deletraz, Ferdinand Habsburg e il debuttante Juan Manuel Correa.

Deletraz e Habsburg parteciperanno alla 4 Ore di Portimao di fine stagione del mese prossimo con un vantaggio di 24 punti, con un massimo di 26 punti disponibili. Panis Racing e il numero 37 della Cool Racing Orecas in pole position hanno completato i primi cinque nell’ordine di arrivo.

La squadra svizzera ha mantenuto il comando scattando dalla pole con Yifei Ye anche se ha subito due battute d’arresto, inclusa una foratura al pneumatico posteriore, mentre era nelle mani di Nico Lapierre nella seconda ora dopo un’intensa battaglia con Scherer.

Will Stevens ha regalato al Racing Team Turkey la vittoria nella classe LMP2 Pro-Am al fotofinish con Alessio Rovera dopo un sorpasso all’ultima curva ai danni di Alessio Rovera di AF Corse.

Stevens, sostituendo Jack Aitken, ha condiviso i compiti di guida della vettura gestita dalla TF Sport con Salih Yoluc e Charlie Eastwood e ha tagliato il traguardo con soli 0,042 secondi di vantaggio su Rovera.

Gli onori di LMP3 sono andati alla Ligier JS P320 Nissan n. 13 dell’Inter Europol Competition di Charlie Crews, Nico Pino e Guilherme Oliveira che ha visto la squadra polacca prendere il comando del campionato.

13 Ligier JS P320 – Nissan / INTER EUROPOL COMPETITION / Charles Crews / Nicolas Pino / Guilherme Oliveira

Oliveira ha preceduto di 41 secondi la N. 4 DKR Engineering Duqueine D08 Nissan di Sebastian Alvarez alla bandiera a scacchi regalando al team la terza vittoria consecutiva di classe.

La Cool Racing Ligier n. 17, che è entrata nel fine settimana come leader di classifica, è stato il primo ritiro della gara a causa di un danno al retrotreno dell’auto guidata da Maurice Smith nell’ora di apertura a seguito del contatto.

Kessel vince in GTE

La Ferrari 488 GTE Evo n. 57 di Kessel Racing di Conrad Grunewald, Frederik Schandorff e Mikkel Jensen è stata la vincitrice di classe GTE della ELMS 4 Ore di Spa, nonostante un testacoda all’inizio della gara.

Il poleman Grunewald ha perso il controllo del Cavallino Rampante al Raidillon, con la Ferrari Iron Dames n. 83 di Sarah Bovy che ha mancato di poco il pilota americano.

57 Ferrari 488 GTE EVO / KESSEL RACING / Conrad Grunewald / Frederik Schandorff / Mikkel Jensen

Mentre Bovy ha preso il comando della classe, il pilota ufficiale della Peugeot Jensen ha dato la caccia e superato la Ferrari tutta al femminile a 50 minuti dalla fine.

Jensen ha chiuso con 8 secondi di vantaggio su Michele Gatting regalando al Kessel la sua prima vittoria stagionale.

La Porsche 911 RSR-19 n. 18 dell’Absolute Racing di Martin Rump, Alessio Picariello e Andrew Haryanto ha completato il podio di classe al terzo posto.

ORDINE DI ARRIVO COMPLETO

Foto: ELMS

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments