Pubblicità

Alfa Romeo Racing ha confermato Zhou Guanyu comne pilota per la stagione 2023 di Formula 1. Zhou è diventato il primo pilota cinese in assoluto a correre in F1 da quando ha debuttato quest’anno nel Gran Premio del Bahrain, come compagno di squadra di Valtteri Bottas , vincitore di 10 gare.

L’ex pilota di F2 ha vissuto una stagione solida al fianco di Bottas, anche se problemi di affidabilità gli hanno impedito di avere lo stesso ritmo del finlandese, mentre l’Alfa Romeo ha iniziato a perdere colpi dopo un avvio di stagione brillante.

Oltre al 10° posto in Bahrain, Zhou è arrivato ottavo in Canada e 10° a Monza e attualmente occupa il 17° in classifica dopo 16 gare. Il pilota cinese è stato protagonista di un bruttissimo incidente a Silverstone dove al via si era agganciato a Russell finendo poi oltre le barriere di protezione.

Dopo questa conferma, restano ancora tre posti liberi sulla griglia del 2023, con Haas, Alpine e Williams che devono ancora annunciare il loro pilota.

LE DICHIARAZIONI DI ZHOU

“Sono felice e grato all’Alfa Romeo per l’opportunità di far parte della squadra per un’altra stagione”, ha spiegato Zhou in una dichiarazione del team.

“Ho realizzato il sogno di arrivare in Formula 1 e la sensazione di gareggiare per la prima volta in una gara vivrà con me per sempre: il team è stato incredibilmente di supporto, accogliendomi sin dal primo giorno e aiutandomi ad adattarmi alle serie più complesse negli sport motoristici.”

“C’è di più che voglio ottenere in questo sport e con la squadra, e il duro lavoro che abbiamo messo insieme dall’inizio dell’anno, è solo il primo passo verso dove vogliamo essere la prossima stagione.”

“C’è ancora molto da imparare, molto da sviluppare ma sono fiducioso nel nostro lavoro: non vedo l’ora che arrivi il prossimo capitolo della nostra storia insieme.”

Foto: Sauber Alfa Romeo Racing

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com