Pubblicità

Charles Leclerc conquista la pole position nelle qualifiche valide per il Gp di Singapore in modo rocambolesco. Il monegasco, infatti, piazza la sua Ferrari davanti alla facendo meglio di Sergio Perez per solo 22 millesimi di secondo. Terzo un ottimo e mai domo Lewis Hamilton, a soli 54 millesimi di secondo dal primo. Quarta la seconda della Ferrari quella di Carlos Sainz ad un solo decimo di secondo di distacco.

Le condizioni umide della pista che tardava ad asciugarsi ha reso la qualifica insidiosa e di difficile interpretazione per i piloti ed i team. La sessione ha costretto ai piloti di usare le coperture semislick fino alla Q3 dove hanno provato l’azzardo delle gomme lisce. Inspiegabile l’atteggiamento della Red Bull che ha fermato Verstappen nei suoi due ottimi tentativi per mettere il miglior tempo. Una scelta tattica che ha relegato l’olandese in ottava posizione.

La condizione particolare che ha costretto i piloti a girare continuamente per sfruttare gli ultimi istanti della Q3 con la pista che andava migliorando ha indotto all’errore il muretto box della Red Bull che ha caricato meno benzina del dovuto all’olandese. Se Verstappen avesse chiuso quel giro, non avrebbe avuto sufficiente benzina per i controlli post sessione e sarebbe stato fortemente penalizzato oltre l’ottava posizione.

Ottima anche la prestazione di Fernando Alonso, quinto, che ha fatto valere la sua classe in condizioni difficili distaccando nettamente il compagno Ocon solo diciottesimo. Il due volte campione del mondo ha preceduto la McLaren di Lando Norris e l’AlphaTauri di Pierre Gasly. Chiudono la top ten le Haas di Kevin Magnussen e Yuki Tsunoda con l’altra AlphaTauri AT03.

Le condizioni precarie della pista hanno aiutato non poco la classe di Leclerc come le doti indiscusse di abilità di Lewis Hamilton. In ogni caso la Red Bull è apparsa veloce sulla pista di Marina Bay. Un tracciato molto simile a Montecarlo dove partire davanti è assolutamente fondamentale. L’ottava posizione del campione del mondo può aprire la porta alla Ferrari che potrebbe fare il colpaccio a Singapore. Non riaprirebbe il mondiale ma con la questione budget cap da definire non è detto che una vittoria non sia utile. Sicuramente serve al morale di un team che ha una monoposto veloce abbastanza da partire prima per poi sprecare troppo in gara.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments