Pubblicità

Sebastian Vettel crede che la Formula 1 abbia avuto molto fortuna nel Gran Premio del Giappone con l’incidente di Carlos Sainz Jr e il quasi incidente di Pierre Gasly con un trattore.

Dopo che Sainz è andato contro le barriere dopo un acquaplaning nel primo giro, la gara bagnata di Suzuka ha visto inizialmente l’ingresso della safety car per consentire il recupero della Ferrari incidentata, che è stata estremamente fortunata a non rimbalzare in traiettoria dopo aver urtato la barriera.

Gasly, partito dalla pit-lane con l’AlphaTauri, è stato costretto a un pit-stop al primo giro per un nuovo alettone anteriore dopo aver raccolto un cartellone pubblicitario strappato dalla Ferrari di Sainz che ha colpito il muro. Uscito dai box, Gasly si trovava in ultima posizione e mentre cercava di raggiungere il gruppone, è stata esposta la banidera rossa per recuperare con un trattore la monoposto di Sainz.

Mentre il resto del gruppo sfilava lentamente oltre il trattore, Gasly è passato ad una velocità superiore ai 200 km/h, mettendo a rischio la sicurezza dei commissari intervenuti sul luogo dell’incidente e prendendo uno spavento alla vista del trattore a bordo pista.

Molti piloti, tra cui lo stesso Gasly, Perez e Norris hanno espresso il loro sgomento nel vedere i mezzi di soccorso in pista, in condizioni simili come quando Bianchi ha avuto quel terribile incidente nel 2014.

Vettel: F1 fortunata in Giappone

“Penso principalmente che ciò che conta oggi sia il fatto che Carlos stia bene. Abbiamo avuto una circostanza molto strana e non è successo niente, siamo riusciti a farla franca, questa è la cosa principale”, ha detto ai media il quattro volte campione del mondo.

“Ci sono molte cose che hanno portato a questa circostanza che dobbiamo capire: in primo luogo, l’intera griglia parte con la gomma sbagliata, per la quale siamo tutti colpevoli ma poi nessuno da incolpare, perché siamo tutti nella stessa situazione; abbiamo una gomma intermedia che è molto più veloce di una gomma da bagnato estremo.”

“La gomma estrema era la gomma per le condizioni, ma è così lenta che sei quasi obbligato a passare alla gomma intermedio. Non siamo in grado di correre quando c’è dell’acqua sulla pista, perché probabilmente il drenaggio dell’acqua non è abbastanza buono. Lo sappiamo da anni.”

“La visibilità è quasi nulla quando sei all’interno dell’auto con la pioggia. Siamo fortunati che non sia successo nulla, ma dobbiamo assicurarci che non debba accadere mai più”.

Vettel ha difeso il conducente del trattore a Suzuka, dicendo che stava solo seguendo l’ordine di entrare in pista.

“Non dovrebbe mai essere lì, ma poi i ragazzi che guidano il trattore, ricevono un comando se possono andare in pista o meno”, ha detto Vettel.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com