Valentino Rossi ha conquistato la prima vittoria del Fanatec GT World Challenge Europe powered by AWS insieme al suo copilota del Team WRT Maxime Martin nella seconda gara della Sprint Cup a Misano.

L’ex stella della MotoGP ha messo insieme un secondo stint pulito e costante per portare la BMW M3 GT4 numero 46 sul traguardo con 4,2 secondi di vantaggio su Lucas Legeret nella seconda classificata Comtoyou Racing Audi R8 LMS GT3 Evo II.

Il successo di Misano ha segnato la prima vittoria di Rossi nella competizione della SRO Motorsports Group, dopo la sua recente vittoria nella classe GT3 alla Road to Le Mans.

La vittoria è stata anche la prima del team WRT in GTWC Europe da quando è passata da Audi a BMW quest’anno.

Martin ha iniziato la gara di 60 minuti di domenica dal terzo posto sulla griglia di 42 vetture, correndo dietro al pilota Audi del Sainteloc Junior Team Patric Niederhauser e al pole-sitter Dries Vanthoor durante lo stint di apertura.

La capacità di Vanthoor di crescere un vantaggio nella BMW WRT n. 32 è stata ridotta da un periodo di Full Course Yellow e safety car, che ha raggruppato il campo poco prima della finestra dei box.

L’interruzione è stata causata da un incidente per l’Audi Boutsen VDS di Alberto di Folco, che ha colpito le barriere di pneumatici dopo essere rimbalzata tra altre due Audi durante una battaglia a quattro nella curva della Quercia.

La safety car ha comportato un ritardo di un minuto all’apertura della finestra dei box, a quel punto WRT ha portato Vanthoor e Martin per il cambio pilota e gomme.

Un pit stop lento, in parte causato da una ruota bloccata, ha fatto perdere la BMW n. 32 in testa mentre Rossi ha rilevato la vettura n. 46 senza problemi.

Niederhauser è rimasto fuori fino a tardi prima di passare il testimone a Erwan Bastard, che si è piazzato in terza posizione dietro l’Audi del Comtotyou Racing di Legeret che ha corso quarto nello stint di apertura con Christopher Haase al volante.

Rossi era avanti di circa quattro secondi su Legeret e ha prodotto un forte drive per tenere il francese fuori portata e consegnare una vittoria popolare di fronte al pubblico di casa.

Un veloce pit stop da parte dei meccanici WRT ha permesso alla BMW n. 31 di salire dall’ottavo al terzo posto e Jean-Baptiste Simmenauer ha mantenuto la posizione sul podio, segnando il primo risultato a punti della stagione suo e di Thomas Neubauer.

La coppia Akkodis ASP composta da Raffaele Marciello e Timur Boguslavskiy ha lasciato Misano come leader del campionato Sprint Cup dopo aver concluso al quinto posto in Gara 2, dopo la vittoria di sabato.

Boguslavskiy è partito dall’11° posto in griglia e Marciello era solo nono dopo i pit stop, ma l’asso svizzero-italiano ha effettuato quattro sorpassi sulla Mercedes-AMG GT88 Evo numero 3, tra cui una frenata su Giacomo Altoe alla curva 14 a tre minuti dalla fine.

Marciello ha poi guadagnato un’altra posizione quando la Ferrari 69 GT296 numero 3 dell’Emil Frey Racing ha avuto cinque secondi aggiunti alla fine per aver superato quattro volte i limiti della pista.

Ciò ha portato Albert Costa e Thierry Vermeulen al quinto posto, un posto davanti ai loro compagni di squadra Emil Frey Altoe e Konsta Lappalainen.

Bastard e Niederhauser si sono accontentati del settimo posto, con Jordan Pepper e Franck Perera che hanno concluso ottavi con la Lamborghini Huracan GT60 EVO3 numero 2 VSR.

Vanthoor e Charles Weerts sono arrivati solo noni dopo essere partiti dalla pole, mentre gli altri aspiranti al titolo Sprint Cup Ricardo Feller e Mattia Drudi si sono ritirati.

Gli onori della Gold Cup sono andati al duo WRT composto da Niklas Kruetten e Calan Williams, che ha ottenuto una posizione assoluta davanti all’Audi del Tresor Attempto Racing vincitrice della Silver Cup di Alex Aka e Lorenzo Patrese.

Garage 59 ha conquistato il primo weekend di gara della stagione per la classe Bronze Cup con la sua McLaren 720S GT3 Evo guidata da Henrique Chaves e Miguel Ramos.

RISULTATI: Gara 2