Lo si è deciso nel pomeriggio, nel briefing strategico prima della gara: Sainz era la risorsa più sicura della Ferrari per pensare alla vittoria di Singapore dalla pole e ciò comportava il ‘sacrificio’ di Leclerc. Il monegasco è partito terzo e l’obiettivo sarebbe stato quello di assicurarsi la seconda posizione con lui, superare Russell in pista e costruire un gap che permettesse a Carlos di gestire tutto quello che è successo da quel momento in poi. Leclerc ha accettato di guidare la gomma morbida invece della media e compromettere il suo primo “stint”, e forse l’intera gara, in modo che lo spagnolo potesse avere quel cuscino essenziale a Singapore. Da lì è riuscito a gestire tutte le differenze su un circuito che offre a malapena finestre di sorpasso.Il piano della squadra di Vasseur ha funzionato perfettamente, da qui la gioia corale della squadra nella celebrazione.

Leclerc lo ha accettato fin dall’inizio. Combattere per la vittoria? “Il piano non era quello, era chiaro ed è per questo che ho scelto la morbida. Volevo assicurarmi di essere davanti a George alla fine del primo stint perché è stato vantaggioso per Carlos. Stavo allargando il gap per questo motivo, ma è stato anche un bene per me perché mi avrebbe permesso di fermarmi prima di Carlos e salvare la seconda posizione. Poi non abbiamo avuto fortuna con la safety car, ho dovuto aspettare il traffico ai box e le posizioni sono andate perse. La vittoria era una priorità e abbiamo fatto un ottimo lavoro”.

“Abbiamo gestito la gara molto bene. All’inizio abbiamo superato George e abbiamo creato un varco affinché Carlos potesse estendere il suo vantaggio, in modo che non ci fosse il rischio di un undercut. Questo è esattamente ciò che stava accadendo”, spiega Charles. È sorprendente che la Ferrari abbia scommesso così chiaramente sulla vittoria di Sainz in questa gara, anche se ciò ha danneggiato il risultato individuale di Leclerc. Anche se lo spagnolo ha detto che non si trattava di una scommessa vera e propria: “Non credo che la squadra abbia scommesso su di me, stavamo cercando di fare la migliore gara possibile per entrambe le vetture. Ciò ha comportato che Charles aprisse un piccolo spazio, in modo che entrambi potessero fermarsi nel caso ci fosse stata una safety car. Questo è esattamente quello che è successo. Avevo molto ritmo, mi sentivo unito alla macchina e sentivo che tutto era sotto controllo”.

“Forte fin dalle prime prove libere”

Questo è ciò che sottolinea Vasseur, che ha ritirato il trofeo del costruttore, che tutto era sotto controllo. “Non ero troppo stressato negli ultimi giri. Avevo la sensazione che Carlos avesse tutto sotto controllo. È emozionante perché è il primo,Ma non pensavo a questo ma a quello che abbiamo costruito dopo Jeddah, un fine settimana difficile per noi dal quale abbiamo costruito una rimonta importante”. Per il leader francese, alla sua prima vittoria da quando è arrivato, la chiave è stata presente fin dall’inizio del fine settimana: “Carlos è stato velocissimo fin dall’inizio, con fiducia, e questo è stato molto positivo per noi. Ha fatto un ottimo lavoro, fantastico dal primo all’ultimo giro in termini di gestione della gara. Ma a Zandvoort e Monza è stato lo stesso, forte fin dalle prove libere 1. È il modo migliore per prepararsi alle qualifiche, quando inizi il fine settimana così forte. E’ anche meglio per la squadra. E poi anche in gara, ma la differenza principale la fa il lavoro del fine settimana”.