L’India ospiterà il suo primo round MotoGP questo fine settimana al Buddh International Circuit, costruito per ospitare gare di Formula 1 tra il 2011 e il 2013, quando è stato tolto dal calendario.

Negli ultimi mesi sono state sollevate preoccupazioni sulla sicurezza della pista, poiché la sede ha richiesto un aggiornamento per estendere le vie di fuga e per effettuare un parziale rifacimento.

Le parti più preoccupanti del circuito sono i muri che sono posizionati a soli tre metri dall’asfalto stesso, con le barriere della curva 3 che si è rivelata uno dei maggiori problemi di sicurezza nonostante sia una delle curve più lente della pista.

Nelle ultime settimane, Espargaro aveva espresso preoccupazioni per il livello di sicurezza sul circuito, che doveva ancora essere omologato dalla FIM a partire dalla scorsa settimana.

Espargaro afferma che i piloti stanno affrontando il fine settimana più uniti di prima dopo una serie di incontri per discutere, tra gli altri argomenti, di fissare uno stipendio base minimo per i piloti MotoGP.

Il pilota Aprilia ha suggerito che sono tutti sulla stessa lunghezza d’onda per quanto riguarda i problemi di sicurezza in vista del GP d’India.

“In India, tutti i piloti insieme cammineranno in pista prima di salire sulla moto per capire la situazione”, ha detto.

I piloti sono determinati a portare un voto tra loro su qualsiasi questione relativa alla loro sicurezza.

Espargaro ammette di essere rimasto sorpreso dal livello di accordo tra i piloti.

“Ora c’è una cosa molto importante tra noi, che è stare insieme”, ha detto Espargaro quando gli è stato chiesto come crede che la griglia gestirà qualsiasi decisione riguardante il GP dell’India.

“Non so perché, ma ora che ci sediamo e parliamo, pensiamo molto più simili di quanto immaginassimo.

“Prima andavi al comitato di sicurezza e c’era molta più confusione, perché c’erano molte opinioni che puntavano in direzioni diverse.

“Ora si scopre che siamo d’accordo sulla maggior parte delle questioni. Questo è molto positivo. In questo modo possiamo migliorare molte cose”.

Foto: Alessio Mazzocco – Giornalemotori