Pubblicità

Fernando Alonso è diventato il pilota con il maggior numero di Gran Premi nella storia della Formula 1, ma in modo amaro: partito quinto, si è difeso vicino ai migliori durante il primo terzo di gara ma si è ritirato al 20° giro per un problema al motore che ha comunicato via radio ai suoi ingegneri prima di parcheggiare l’auto nel primo settore.

A Singapore era stato l’unico pilota in grado di contenere Verstappen, che ha scavalcato tutta l’opposizione che gli era davanti fino a trovarsi a tu per tu con l’Alpine. Ma quello che in realtà si è imbattuto nell’Alpine è stato Fernando, costretto a parcheggiare l’auto nella via di fuga, frustrato mentre seguiva il passaggio delle vetture dal guardrail.

“Ero a corto di 50 punti, quindi ora sono a corto di 58 o 60 punti nel corso di una stagione, il che è quasi inaccettabile nella mia macchina. Se mettessi 60 punti in più in classifica e li riduci al resto, perché sono punti che gli altri non avrebbero guadagnato, il mio campionato sarebbe stato molto meglio anche rispetto alla Mercedes. Sono orgoglioso della prestazione, oggi stavamo lottando per una top-5 o di nuovo tra i primi 6, ma quelle prestazioni non si riflettono nella classifica”, si è lamentato Alonso davanti ai media.

Lo spagnolo avrebbe avuto bisogno di un nuovo motore a Spa o Monza? “Il chilometraggio del motore era corretto, Esteban (Ocon) aveva nuovi motori e ha anche avuto problemi non è per quello. Dovrò mettere un motore nelle prossime gare, di sicuro vedremo dove, quindi perdiamo altri punti”, ha assicurato il due volte iridato spagnolo all’AS.

La McLaren scavalca l’Alpine nella classifica costruttori, in quella lotta per il quarto posto, perché Norris ha chiuso quarto a Marina Bay e Ricciardo quinto. Ora quelli di Woking hanno quattro punti di vantaggio. Sulla gara e sui molteplici errori di guida Fernando ammette: “È stato difficile, certo, la parte più complicata è arrivata con la gomma da asciutto. Quando ero in gara non era così difficile perché non spingevamo, sapevamo che con le safety car tutto sarebbe tornato a posto”.

Una brutta domenica che finisce per un record assoluto. Fernando Alonso ha iniziato una gara di F1 per la 351a volta. Altri conti rimangono a 350 gran premi perché non tutti includono il Belgio 2001, dove ha effettivamente iniziato. Ma un incidente e la conseguente bandiera rossa gli hanno impedito di partecipare alla ripartenza. Non rientrando nella classifica finale, non tutti i libri di statistica prevedono la sua partecipazione, come è successo a Raikkonen nella stessa data.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com