Jack Miller ha continuato a lasciare il segno a Le Mans, concludendo con successo la prima giornata di prove della MotoGP francese 2023 con un altro nuovo record in P2.

Dopo aver stabilito il ritmo nella sessione P1 soleggiata di questa mattina, nonostante le condizioni più fresche in P2, l’australiano ha alzato il tiro nelle fasi finali con un tempo di 1m 30.950sec.

Unico pilota a scendere sotto l’1m31, la prestazione di Miller sul tracciato francese – dove ha collezionato una vittoria con la Ducati nel 2021 – ha consolidato un ottimo inizio di fine settimana per la KTM nel suo complesso, anche perché né lui né il team Factory Racing -il compagno Brad Binder ha avuto dei problemi.

In effetti, Le Mans, con i suoi complicati cambi di direzione e l’asfalto scivoloso, è stata all’altezza della sua reputazione di “rompimoto” con non meno di sei incidenti verificatisi nei primi 10 minuti della sessione di un’ora.

Questi includevano due degli eventuali primi quattro alla fine della sessione con Aleix Espargaro e Jorge Martin che sono risaliti entrambi al secondo e quarto dalla bandiera a scacchi.

Marco Bezzecchi si è stretto tra di loro al terzo posto come il migliore del contingente Ducati, mentre Johann Zarco ha sventolato la bandiera della Francia in casa al quinto posto.

Tuttavia, questo è stato in netto contrasto con Fabio Quartararo della Yamaha, che ha potuto solo vedere il suo nome scendere nell’ordine negli ultimi minuti per concludere la giornata al 12° posto. Significa che il Campione del Mondo MotoGP 2021 dovrà qualificarsi ancora una volta per il suo evento di casa tramite la Q1.

Maverick Vinales ha consolidato la discreta giornata di Aprilia Racing al sesto posto, davanti a Binder sulla seconda delle KTM RC16. Marc Marquez è stato un solido ottavo al suo ritorno in azione, anche se ha quasi distrutto la sua Honda RC213V negli ultimi secondi con un arresto alla curva 7. Anche se la moto è rimasta a pezzi dopo aver scavato nella ghiaia, lo stesso Marquez se ne andò illeso.

Il leader del campionato Pecco Bagnaia ha sopportato un pomeriggio complicato con più di una uscita di pista, anche se ha salvato il nono posto sul traguardo, davanti ad Alex Marquez al decimo e ultimo posto in Q2.

Di quelli costretti alla sessione di Q1 di domani mattina, Luca Marini ha mancato il taglio per soli 0,003 secondi in 11°, davanti a Quartararo e Joan Mir, lo spagnolo ha anche dato del lavoro ai suoi meccanici Repsol Honda dopo una caduta considerevole all’inizio della sessione.

Augusto Fernandez ha goduto del suo miglior inizio di un weekend in MotoGP al 15° posto, il pilota Tech 3 GasGas inserito tra le Honda LCR di Alex Rins e Takaaki Nakagami.