“Mi stavo divertendo come un bambino. Guidavo come non facevo da molto tempo”Marc Márquez è tornato. E, con lui, la follia si è scatenata in MotoGP. Il GP di Francia passerà alla storia, non solo perché è il millesimo Gran Premio nella storia del campionato, ma perché le polemiche sono state ancora una volta protagoniste della gara. I contatti, la rabbia, il disaccordo con le sanzioni della Direzione Gara… e il ritorno dell’otto volte campione del mondo al suo meglio. 

Dopo un mese e mezzo di assenza senza prendere una moto, Marquez è ancora un po’ lontano dal recuperare la sua forma fisica al 100%, ma almeno lo spagnolo sa che è possibile lottare di nuovo tra i più veloci. Con un fisico e una moto inferiori a quelli dei suoi rivali, Marc è stato in grado di lottare per la pole e un podio che gli è sfuggito per una caduta a due giri dalla fine della gara.

Alla fine, l’ambizione ha avuto la meglio sul pilota Repsol Honda, ma il suo carattere in pista non lo lascia accontentare. Correva al limite, con una moto lontana dall’essere quella che gli serve per lottare per il Mondiale, ma con sensazioni che lo lasciano soddisfatto fino al ritorno delle competizioni, tra tre settimane, al Mugello.

E, anche se prendono un altro zero, la squadra non sembra preoccuparsi visto ciò che Marc di ottenere in pista. In effetti, dà tranquillità al marchio, che è già avvertito dal pilota stesso: ne ha bisogno di più e un nuovo telaio non risolve tutti i suoi problemi. Ne sono consapevoli, ma nel frattempo Alberto Puig, team manager del team, dà una lettura più che positiva del weekend: “Marc ha fatto una gara fantastica. Sfortunatamente, alla fine della gara stava inseguendo il podio e sapeva che Zarco era proprio dietro di lui e pronto a spingere, quindi ha dovuto continuare a lottare”.

I punti persi in Francia non sono importanti, perché vedere il Marquez di prima è il miglior risultato che potessero portare a casa: “Il carattere di un campione è cercare sempre di ottenere il massimo da ogni situazione, che è esattamente quello che ha fatto Marc. Penso che stia guidando allo stesso livello di prima che si infortunasse tre anni fa. Ha guidato in modo superbo e ha fatto tutto il possibile con quello che aveva”. E questa è la migliore delle sensazioni che il marchio dell'”ala d’oro” può portare a questa insolita pausa primaverile.

Un tempo prezioso per continuare a lavorare sui miglioramenti perché, sebbene il nuovo telaio Kalex abbia lasciato l’amaro in bocca, non basta per lottare per una Coppa del Mondo a cui si vuole aspirare ancora. Almeno, il test francese è stato “un primo passo positivo” per questo nuovo telaio, anche se “ancora con punti da migliorare”. “C’è del lavoro da fare e continueremo a fare passi avanti”, dice Puig, soddisfatto di vedere i primi risultati “del lavoro degli ultimi mesi”.

A tre settimane di riposo fino al Mugello, è tempo di continuare ad analizzare tutte le informazioni delle prime gare per capire “qual è la direzione migliore da seguire” in una Honda che Joan Mir non è in grado di padroneggiare. Il maiorchino “continua a lavorare per capire la moto, che purtroppo si traduce in cadute” che gli fanno raggiungere un limite. Proprio come Rins, che non ha avuto la possibilità di provare il telaio Kalex a Le Mans. “Tutti ci stanno provando, ma non siamo ancora all’altezza della moto”, dice lo spagnolo, sollevato nel vedere che Marc è di nuovo veloce con il prototipo del marchio giapponese.

Ora, il prossimo passo è “lavorare per portare qualche cosa in più per il Mugello e le gare future” perché, nonostante la distanza (82 punti dietro il leader, Bagnaia), ci sono ancora più di 500 punti in palio fino alla fine dell’anno”. Il campionato è molto aperto e molte cose possono ancora accadere”, insiste Puig, consapevole che “può essere fatto solo se sei un pilota speciale”. Fortunatamente per la Honda, hanno Marc Marquez.