Sono passate tre stagioni da quando ha fatto parte per l’ultima volta della griglia di partenza e si potrebbe dire che non è rimasto molto di quel Campionato del Mondo MotoGP da cui Jorge Lorenzo ha detto addio come pilota. Quel 2019, Marc Márquez è tornato campione del mondo nella sua stagione più spettacolare con la Honda, mentre Yamaha e Ducati erano ancora alla ricerca della chiave per decollare verso l’alto. Un anno dopo, le carte in tavola sono cambiate tra europei e giapponesi.

È vero che il marchio di Iwata ha vinto nel 2021 con Quartararo, ma il suo dominio è stato di breve durata contro la Ducati e che da allora ha sigillato la sua egemonia nel motociclismo. E il 2022 è stato il big bang. Bagnaia lo ha reso possibile in MotoGP e Bautista in Superbike con una superiorità che niente e nessuno sapeva fermare. La tendenza si ripete in questo 2023, scrivendo una storia di cui lo spagnolo avrebbe voluto far parte durante la sua permanenza al marchio nel 2017 e nel 2018: “È un vero peccato che non sia successo quando ero lì”.

Lorenzo confessa, in una chiacchierata con MotoGP.com, che la sua scommessa era “molto rischiosa in quel momento” e, sebbene abbia vinto gare con la squadra italiana, l’apparizione di un’offerta della Honda sul suo tavolo era qualcosa che non poteva rifiutare. Pedrosa è uscito a fine anno e ha dovuto cedere all’interesse di un marchio storico che, per di più, stava vincendo tutto con Marquez dal suo titolo nel 2015 con Yamaha.

L’opportunità era così unica che non poteva rifiutarla, infatti, era il pilota stesso a cercarla, anche se poi nulla sarebbe andato come ci si aspettava da un pluricampione come lui. E Lorenzo ne era pienamente consapevole: “Honda è probabilmente la squadra più forte, quella che ha vinto più titoli al mondo, quella che probabilmente ha il budget più alto… Ma non sempre la squadra più forte è quella che vince. Devi rendere tutto perfetto e hai anche bisogno di fortuna”. Non è stato il suo caso, perché una caduta ad Assen lo ha lasciato fuori gioco durante alcune gare ed è stato il suo grande determinante a prendere la decisione di fermarsi alla fine di quel percorso.

Da allora, entra a far parte del club di un pensiero sempre più comune: “La Honda è una moto con cui solo Marc può vincere i campionati”. Per quanto il marchio cerchi di negarlo, anche i suoi stessi piloti finiscono per cedere a una realtà travolgente. La verità è che, fatta eccezione per lo spgnolo, l’unico che ci è riuscito dal 2018 è stato Álex Rins e, guardando all’interno della Honda Repsol, dobbiamo tornare a Pedrosa, a Valencia 2017. “È un peccato – confessa Lorenzo – perché hanno un grande potenziale sotto molti aspetti”. Anche se il più grande potenziale della RC213V è stato a lungo perso lungo la strada e, coincidenze della vita, coincide con il grave infortunio di Marc nel 2020. Hanno perso la loro stella e la loro strada. “Con Marquez hanno vinto molte Coppe del Mondo per il loro talento, il loro atteggiamento, la loro condizione fisica… È un pilota straordinario. Ma, d’altra parte, è un pilota molto speciale, che ha bisogno di caratteristiche molto specifiche sulla moto”, spiega Jorge.

Relazione in difficoltà

“Hanno seguito completamente il percorso di Marc Marquez e sembra che il percorso sia solo per Marc Marquez. Per il resto dei piloti diventa molto difficile ottenere risultati. Penso che 10-15 anni fa la Honda standard fosse molto buona per tutti i piloti, ma ora è fatta apposta per Marquez”, afferma il cinque volte campione del mondo che, inoltre, suggerisce che il rapporto tra le due parti non gode più della stessa salute di anni fa: “Sembra che la storia d’amore tra Marc e Honda non sia la stessa, Qualcosa è cambiato. Probabilmente perché Marc era abituato a vincere quasi ogni anno con la Honda e, ora, dopo tre anni senza vincere, questo amore per la Honda è un po’ finito”.

La situazione sembra sempre più critica e, sebbene la fabbrica giapponese non smetta di cercare miglioramenti, non trova ancora un rimedio. Il telaio Kalex, che Marquez non ha ancora potuto provare, sembra non aver lasciato grandi commenti sul marchio da parte di Mir o Bradl, quindi HRC è ancora persa senza sapere dove tirare. Quelli dell’ala d’oro sono più ribaltati che mai, anche se Lorenzo dice che Marc “ha bisogno di una reazione da parte della Honda” che non abbia la moto migliore, “ma che sia vicina alla Ducati, che per ora è la migliore in griglia”Vedremo se riusciranno a riprendere un po’ questa storia d’amore o se la relazione si allontanerà ulteriormente. Solo il tempo e i risultati lo diranno. Sembra che Marc abbia dato un ultimatum alla Honda, non solo in privato, ma anche in pubblico”, dice l’ex MotoGP, che ha sempre confidato nella rinascita del giapponese.