Monaco è una gara che ha ricevuto un bel po ‘di critiche nel corso degli anni a causa della mancanza di sorpassi e quindi dello spettacolo in pista. Ma davvero contano solo i sorpassi in una gara? Fare una tale affermazione non coglie qual è il vero scopo della visita al Principato.

Cambiare volto delle piste stradali

Monaco è l’archetipo della pista stradale nei Gran Premi. Stretto, tortuoso e un luogo abbastanza assurdo in cui tenere un round di un campionato sportivo mondiale.

Recenti piste stradali ad alta velocità come Jeddah, Baku e la rinnovata Melbourne hanno cambiato l’idea delle caratteristiche dei circuiti cittadini, fornendo una pista ampia, veloce e con punti dove i sorpassi si possono fare.

In quanto tale, una “gara” che di solito viene vinta da chi arriva alla prima curva 1 al comando (e accade solitamente per chi si trova in prima fila) può ancora avere rilevanza in questo nuovo mondo frenetico, dinamico e coraggioso della Formula 1?

Sì, è possibile, e lo fa perché il Gran Premio di Monaco non riguarda la gara di domenica. La sfida parte già dal venerdì.

La vera sfida monegasca

Ognuno dei 22 Gran Premi del calendario 2023 richiede qualcosa di leggermente diverso dal pilota, che si tratti di coraggio nelle curve ad alta velocità, mancanza di problemi tecnici per ottenere il set-up della vettura o capacità di conservare le gomme.

La sfida di Monaco sta nell’azzeccare quel giro di qualifica cruciale, quello che può migliorare o distruggere il tuo weekend. Premia quei piloti che guardano qual è il limite e provano ad andare oltre, rischiando di finire nelle barriere.

Sanno tutti che spingere di più attraverso la chicane delle piscine o prendere una traiettoria più larga al tornantino potrebbe portare quei preziosi millesimi di secondo che fanno la differenza tra il secondo o il sesto posto in griglia. Quelli che rischiano di più vengono poi ricompensati in gara.

Le qualifiche a Monte Carlo mettono in mostra i piloti al loro meglio ed è una cosa che li separa da noi comuni mortali.

Su circuiti con un sacco di vie di fuga come Silverstone o Spa, le cose appaiono molto facili e spesso sottovalutiamo le difficoltà del pilota nel cercare il limite della monoposto perchè tanto, in caso di errore, ci sono ampie di fuga a perdonare gli errori dei piloti.

L’ora di qualifica di Monaco è invece qualcosa di diverso ed è tutto ciò che la F1 afferma di essere: elettrizzante, pericolosa, rischiosa e imperdibile. Mette semplicemente alla prova un altro aspetto dell’abilità dei piloti del Gran Premio, e se questi 20 sono i migliori piloti del mondo, il loro ritmo di qualifica sul giro non dovrebbe essere più importante rispetto alla gara?

Ad ogni modo, i recenti Gran Premi di Monaco sono stati giudicati emozionanti ma non hanno caratterizzato sorpassi. Carlos Sainz non avrebbe mai superato Sergio Perez nel 2022, né Max Verstappen avrebbe fatto lo stesso su Lewis Hamilton nel 2019.

E che dire della vittoria di Daniel Ricciardo nel 2018? Su quale altra pista potrebbe mostrare la sua capacità di curare una macchina mal messa a casa in testa?