Jaume Masiá ha vinto la gara della Moto3 ad Assen e ha ridotto il suo svantaggio in classifica generale visto che Holgado è arrivato ultimo. Settima vittoria in carriera per il valenciano, che si porta a 16 punti dal leader.

C’erano 28 gradi nell’aria e 38 sull’asfalto, sotto un cielo senza nuvole e soleggiato. Alla partenza, David Muñoz ha contenuto l’attacco di Kelso per mantenere la prima posizione. Ma l’australiano ha approfittato del fatto che il sivigliano è andato un pò largo per superarlo nel secondo settore.

Holgado è partito per ultimo e tutto è stato ancora più complicato quando è caduto alla curva 10 nel nevrotico tentativo di rimontare. Ritorna in gara, ma a 30 secondi da Ana Carrasco, penultima.

Muñoz non voleva che Kelso comandasse e lo superò non appena tagliò il traguardo per la prima volta. Dopo di loro c’erano Rossi, Sasaki e Masia. Ortolá era ottavo quando gli è stato detto che doveva scontare una penalità “Long Lap”, ritornando 12°.

Whatley e Adrian Fernandez sono caduti alla curva 5. La Direzione Gara ha aperto un’indagine perché il britannico ha colpito lo spagnolo da dietro.

Masiá ha visto la sua possibilità di impegnarsi nuovamente per il titolo e ha superato Muñoz prima della chicane finale. Sasaki percepisce il pericolo della fuga di Jaume e supera David. Il sivigliano è andato lungo e ha ceduto un po ‘, ma momentaneamente.

Masiá è stato sorpreso da un aggressivo Öncü che ne ha superati diversi in un colpo solo. La battaglia fu costante, con numerosi cambiamenti in un gruppo sempre più numeroso.

Nepa ha cercato di allungare la gara e, a volte, lo ha fatto. Ciò non ha impedito al suo compagno di squadra Ortolá di crescere con grandi sorpassi di Sasaki o Muñoz.

Ivan è arrivato alla ruota di Stefano, ma si è trattenuto. Questo gli costò l’arrivo di Muñoz e il sorpasso. L’attrazione di Nepa ha fatto sì che già “solo” ci fossero dieci concorrenti nel gruppo di testa.

Ortolá ha riconquistato il secondo posto, ma l’andaluso ha restituito il sorpasso alla curva 15. Inoltre, Masiá ha preso un taglio per essere terzo.

Con quattro giri rimanenti, Masiá ha preso il comando in una manovra in cui si è liberato delle scaramucce tra Muñoz, Nepa e Fenati. Ma erano tutti raggruppati insieme.

Muñoz superò Masía, ma andò molto lungo. È passato dal primo al settimo posto in un istante.

Il valenciano ha aperto un gap di quattro decimi, ma non lo hanno lasciato scappare. Entrando nell’ultimo giro, Ortolá, che era dietro Masiá, si è intrufolato alla prima curva ed è diventato settimo.

Sasaki ha superato Jaume, ma il Leopardo ha recuperato con un grande sorpasso all’ultima chicane. Vittoria a guardare la Coppa del Mondo.

Nell’ultimo settore Muñoz e Fenati si sono toccati e sono andati lunghi. Ciò ha reso Öncü terzo, davanti a Ortolá. David era quinto e una grande Ruota, sesto.

ORDINE DI ARRIVO MOTO3 ASSEN